Cenni Guglielmo

Cenni Guglielmo

26 Febbraio 1817 - 8 Febbraio 1885

Note sintetiche

Scheda

Nato a Comacchio da famiglia imolese dimorante a Bologna, fu ardente patriota fin dall'età giovanile: a soli quattordici anni, durante i moti del 1831, si unì ai volontari guidati da Alessandro Guidotti. Laureatosi in legge, nella primavera del 1848 partecipò alla prima Guerra di Indipendenza nel Battaglione Basso Reno, e successivamente fu sottotenente dei Civici mobilizzati dell'Alta Romagna e dell'Umbria. Nel novembre dello stesso anno - in un clima di grandissima incertezza politica - il Ministro delle Armi del governo pontificio Carlo Zucchi volle impedire a Giuseppe Garibaldi l'ingresso nello Stato pontificio. Ma il Cenni, che era tornato a Bologna, secondo quanto riportato in un rapporto della polizia, "diedesi a tutt'uomo a contrariare questo provvido disegno, e tanto fece e tanto s'adoperò che, mossa la ciurmaglia a smodate dimostrazioni sulla piazza, in ciò cooperato dal notissimo padre Gavazzi, poté ottenere che, a scanso di maggiori inconvenienti ed anche di spargimento di sangue, il ministro acconsentisse al transito per questa città del Garibaldi, il quale fu ricevuto al confine dal Cenni stesso, e da lui accompagnto in trionfo".

Di questo episodio resta traccia in una lapide, collocata a Porta Santo Stefano, che rievoca il momento in cui Garibaldi, lasciando la città il 12 novembre 1848 diretto a Roma – dove di lì a pochi giorni una rivoluzione avrebbe rovesciato il governo pontificio - ringrazia i Bolognesi che si erano dati da fare perché potesse entrare in città: Cenni era per l'appunto uno degli "uomini forti" elogiati dall'Eroe dei due Mondi. Da quell'incontro nacque in Cenni una devozione incondizionata verso Garibaldi: lo seguì a Roma e prese parte alla difesa della Città eterna in qualità di capitano (poi di maggiore) di stato maggiore del Generale, e per il suo valore meritò una medaglia d'oro. Dopo la caduta della città seguì Garibaldi nella sua ritirata fino a San Marino, dove si fermò per qualche tempo, in attesa che le acque si calmassero.

Tornato a Bologna, fu oggetto di sorveglianza continua e persecuzioni: nel febbraio 1850 fu arrestato e imprigionato nella rocca di Imola, a San Leo e a Perugia, infine fu messo agli arresti domiciliari. Nel 1852 riuscì a fuggire a Genova, e così poté scampare alla condanna a 20 anni inflittagli in contumacia l'anno successivo, in seguito ai processi per i moti del 1853. Fu ancora a fianco di Garibaldi durante la seconda Guerra di Indipendenza, come capitano di stato maggiore dei Cacciatori delle Alpi, e nei combattimenti di San Fermo e Tre Ponti si guadagnò due medaglie d'argento al valore (primavera 1859). Dimessosi dopo la pace di Villafranca, fu ancora capitano nell'esercito della Lega dell'Italia Centrale, di cui Garibaldi era vice-comandante. Nel novembre 1859, quando Garibaldi venne di fatto esautorato e abbandonò le Romagne, Cenni non solo si dimise dall'esercito, ma "tentò con altri del partito più acceso di ammutinare il popolo, onde fu allontanato da Bologna ed espulso dall'Italia centrale". A quel punto "ch'egli seguisse Garibaldi in Sicilia era naturale". Nella Spedizione dei Mille egli fu addetto al quartiere generale; fu poi nominato comandante della piazza di Palermo e giudice del Consiglio di Guerra col grado prima di maggiore, e in seguito di colonnello; per il valore dimostrato nelle battaglie di Calatafimi, Palermo e Milazzo fu decorato della croce di cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia.

Passato all'esercito regolare, nel 1862 fu collocato in aspettativa "per riduzione di corpo", come accadde a molti garibaldini che avevano tentato di proseguire la carriera militare nell'esercito regio. Tornato alla vita civile, dimorò a Torino dove aprì uno studio legale, e dopo il 1876 si trasferì a Roma, dove ebbe un modesto impiego nell'Archivio di Stato.

Otello Sangiorgi

Leggi tutto

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Volontari bolognesi nell'impresa dei Mille
Volontari bolognesi nell'impresa dei Mille

Mirtide Gavelli, Volontari bolognesi nell'impresa dei Mille. Video realizzato in ocacsione della rassegna "La Storia #aportechiuse", marzo-maggio 2020.

Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Il 1848 bolognese
Il 1848 bolognese

Intervista ad Mirtide Gavelli e Angelo Varni. A cura del Comitato di Bologna dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it