Casanova Achille

Casanova Achille

1861 - 1948

Note sintetiche

Occupazione: Artista

Scheda

Figura di primo piano del cenacolo riunito attorno ad Alfonso Rubbiani, il pittore e decoratore Casanova ha diretto l'atelier Aemilia Ars, “la più vistosa impresa libertyaria di Bologna”, come è stata definita dalla critica, negli anni a cavallo tra la fine dell' 800 e l'inizio del 900. Insegnante apprezzato (tra cui al Collegio Artistico Venturoli), anche se accademico, buon disegnatore, pittore, è stato soprattutto un abile decoratore. Ha lasciato numerose prove del suo gusto ornatistico, e del suo letterario modo d'intendere la figurazione; a Bologna ha eseguito nel 1896-1898 le decorazioni sulle pareti della Cappella votiva per la pace dei popoli nella chiesa di S. Francesco, inaugurata nel maggio del '99 per la Conferenza Internazionale dell' Aja. Insieme a Rubbiani, progettò la sala degli artisti emiliani alla Settima Biennale di Venezia; numerosi sono i fregi e le decorazioni eseguite in edifici restaurati sotto la direzione del Rubbiani. Fu più vicino al simbolismo spiritualista che al liberty, secondo un rigoroso impegno d'arte. Ha affrescato la Chiesa di S. Antonio, a Padova, nel 1910, che costituì il suo più lungo e impegnativo cantiere artistico.

Testo tratto da: 'Il Liberty a Bologna e nell'Emilia Romagna', catalogo della mostra, GRAFIS, Bologna, 1977. Trascrizione a cura di Lorena Barchetti

Riposa nel Campo 1945 della Certosa di Bologna insieme alla moglie Maria Luisa Betti (1865-1929).

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Documenti
Merletti Punto Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 3.47 Mb

Merletti: Punto Bologna. Eseguiti nella scuola della signorina marchesa Camilla Beccadelli Grimaldi in Bologna.

Ehi! ch'al scusa..
Tipo: PDF Dimensione: 2.92 Mb

Ehi! ch'al scusa.., numero senza data ma 1887/1888, Litografia Sauer e C., Bologna

Giornale del Segretario
Tipo: PDF Dimensione: 249.12 Kb

Giornale del Segretario - Memorie dell'Alunnato. Periodo 1895 - 1897. Manoscritto conservato nel Collegio Artistico Venturoli di Bologna.

Donne nella Guerra (Le)
Tipo: PDF Dimensione: 130.43 Kb

Testo tratto da: Gida Rossi, Da ieri a oggi: (le memorie di una vecchia zitella), Cappelli, Bologna, 1934. Trascrizione a cura di Lorena Barchetti

Rubbiani: omaggio al passato
Tipo: PDF Dimensione: 630.20 Kb

Eclettico intellettuale, fondò il Comitato per Bologna Storica e Artistica e l’Aemilia Ars. A lui si deve l’immagine medievale e rinascimentale che ha oggi il centro storico di Bologna.

Eredità di Carlo Alberto Pizzardi (L')
Tipo: PDF Dimensione: 3.20 Mb

La storia di Bologna passa anche attraverso la generosità del marchese Pizzardi, al quale si devono restauri illustri e due dei maggiori ospedali cittadini.