Brugnoli Emanuele

Brugnoli Emanuele

2 Settembre 1859 - 22 Marzo 1944

Note sintetiche

Scheda

Nasce a Bologna il 2 settembre del 1859. Studia all'Accademia della sua città, dove è l’allievo prediletto dello scenografo Valentino Solmi. Suicidatosi il maestro, si reca a Venezia per trascorrervi qualche settimana, ma la città della laguna lo conquista e dal 1880 vi si stabilisce. Qui entra in contatto con Tito, Serena, Favretto e Milesi e si dedica prevalentemente a ritrarre vedute e paesaggi lagunari. La sua produzione è caratterizzata soprattutto dall’acquerello, tecnica pittorica per la quale dimostra di avere un’abilità straordinaria. Nel 1861 si reca a Londra per partecipare all'Esposizione degli acquerellisti italiani e partecipa a numerose altre mostre all'estero. Prende parte nel 1886 alla Promotrice fiorentina, e nel 1888 all'Esposizione Emiliana di Bologna. Partecipa alla seconda edizione della Biennale di Venezia (1899) e alle successive dal 1901 al 1907 e dal 1920 al 1934. Nel 1912 viene nominato professore di acquerello ed incisione presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia dove dirige la Scuola Libera di Incisione fino al 1932. Nonostante la notorietà di Brugnoli sia legata prevalentemente agli acquerelli, egli si dedica con grande passione anche alla tecnica dell’acquaforte, indicando nella figura di Whistler il suo vero maestro. Espone regolarmente alle Internazionali veneziane e viene particolarmente notato dalla critica a seguito dell’acquisto di un suo acquerello, Un canale di Venezia, da parte dell’Imperatore di Germania Guglielmo II. Muore a Venezia il 22 marzo 1944.

In collaborazione con Galleria Artifigurative Crespellano

Pittore bolognese residente a Venezia, impiega il suo vivace talento a riprodurre alcuni dei punti più caratteristici di quella città pittoresca. A Firenze si ricorda il Bacino di San Marco ch'egli espose nel 1886 alla promotrice, un bel dipinto, dove c'è l'armonia delle tinte locali, un vigoroso effetto di sole, con riflessi ben resi, la rivelazione, insomma, di un artista bene ispirato e coscienzioso, che sente e sa riprodurre il vero in ogni più minuta sua manifestazione.

Tratto dal 'Dizionario degli artisti italiani viventi', ed Gonnelli, Angelo De Gubernatis, 1906.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it

Documenti
Anche Bologna!
Tipo: PDF Dimensione: 5.29 Mb

Anche Bologna! Albo unico del Circolo Artistico, Bologna, Zanichelli (Litografia G. Wenk), 1880. Immagini di Azzolini, Bersani, Bordoni, Brugnoli, Busi, Castaldini, De Maria, Facchini, Faccioli, Giorgi, Gordini, Guadagnini, Maccaferri, Minelli, Monari, Palazzi, Parmeggiani, Ricci, Sarti, Scorzoni, Sezanne, Tartarini, Tivoli. Testi di Altobelli, Belluzzi, Bonora, Boschi, Carducci, Gozzi, Guerrini, Panzacchi, Ricci, Roncaglia, Rubbiani, Salina.

Bologna d'oggi - 1928 - n. 3
Tipo: PDF Dimensione: 6.34 Mb

Bologna d'oggi - Rassegna bimestrale illustrata. Anno II n. 3 - giugno agosto 1928. Tipografia Vighi & Rizzoli, Bologna. Collezione privata.

Industrie artistiche e botteghe artigiane bolognesi
Tipo: PDF Dimensione: 7.08 Mb

Francesco Malaguzzi Valeri, Frank De Morsier; Industrie artistiche e botteghe artigiane bolognesi; Consiglio provinciale dell'economia, Officine Grafiche Cacciari, Bologna, 1928. Estratto tavole 40 - 76.