Bonola Francesco

Bonola Francesco

1838 - 1901

Note sintetiche

Scheda

Poco è noto dello scultore Francesco Bonola (Bologna, 1838 - ivi, 1901), Alfonso Panzetta segnala solo un ritratto, datato e firmato 1885, del cardinale Mezzofanti nella chiesa di S. Onofrio a Roma. Il suo percorso artistico prende avvio presso l'Accademia bolognese, dove si segnala con premi tra 1860 e 1865. Nel 1867 vi espone quattro opere di ornato in plastica, 1. Un capitello di ordine composito. 2. Un’aquila: bassorilievo; e due candelliere. Artista quasi del tutto sconosciuto, a lui si possono ora assegnare alcune sculture marmoree del cimitero bolognese, tra cui: il raffinato monumento funebre della propria famiglia nella Sala S. Paolo, firmato F. Bonola 1891; nel Chiostro VII i sepolcri delle famiglie Guermani (1885), Fioresi (1886) e Antonelli (1897); in altri chiostri il ritratto di Pompeo Mazzei (1884 ca.), il grande altorilievo Guidi (1891); e il gruppo in marmo, un poco affaticato nella composizione, della famiglia Agnoli (1893). Dalle opere emerse risulta uno scultore aggiornato allo stile verista tardo ottocentesco, tale da avvicinarlo al bolognese Enrico Barberi.

Il Museo civico del Risorgimento di Bologna possiede due repliche del ritratto di Giovanni Luigi Malvezzi de’ Medici (1819-1892) eseguito da Bonola. Uno è registrato nel primo allestimento museale del 1893, donato a mezzo di un comitato cittadino. Un secondo esemplare, non patinato, fa parte delle collezioni dal 1929 (inv. 2331). Ambedue le sculture derivano dal marmo che si trovava nel giardino della Montagnola e che nel 1953 viene descritto come molto danneggiato, oltre che di autore anonimo e, dalla ricognizione di Poppi del 2000, risulta smarrito. Grazie ai dati di archivio del museo è possibile darne la paternità allo scultore Francesco Bonola. Sull'origine della scultura marmorea ci è di aiuto Raffele Belluzzi il quale scrive che trovasi nella residenza del Sindaco su apposita colonna, in memoria del primo sindaco nel 1859.

Roberto Martorelli

Leggi tutto

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it