Beverara, della

Beverara, della

Via della Beverara

Scheda

Da via Francesco Zanardi a via Marco Polo.
Delib. cons. 16 aprile 1909.

La vecchia Strada della Beverara (documentata nella cartografia ottocentesca) era assai più estesa della attuale via della Beverara.
La prima parte della via, fino al XIX secolo, per i primi cinquecento metri era più ad est dell'attuale percorso (all'inizio del XX secolo fu rettificata e come la vediamo oggi), costeggiando per un buon tratto il Canale Navile, poi rientrava nell'attuale percorso di via della Beverara fino alla fine, nei pressi della Rotonda Arnaldo Forni.
Da qui proseguiva a nord, seguendo approssimativamente l'attuale percorso di via Cristoforo Colombo fino all'attraversamento della Tangenziale, dove si biforcava in due strade.
La prima proseguiva lungo via Cristoforo Colombo, fino alla larga curva nei pressi di via dei Terraioli. Qui proseguiva diritta per sfociare, mediante alcuni tratti di strada completamente scomparsi, in via di Corticella all'altezza di via Paolo Fabbri.
La seconda proseguiva lungo l'attuale percorso di via del Rosario fino a via di Corticella.
Lungo via Beverara esiste tuttora la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo della Beverara, documentata nella cartografia della prima metà del XVIII secolo.
Il toponimo Beverara, documentato già nel XII secolo deriva dal verbo beverare, che è voce antica sinonimo di abbeverare. Tenendo conto che dove oggi passa il Canale Navile in antichità passava il Savena nel suo antico corso, la presenza di acque a cui le bestie potevano abbeverarsi è causa probabile del toponimo.

link al sito Origine di Bologna

Leggi tutto

Luoghi

Opere

Bibliografia
Carta del bolognese per quanto esso si estende seguitamente dalle radici della collina sino al Modonese, Ferrarese, ed alla Romagna , 1732-1738.
Benedetto XIV (dedicatario); Benedetti Giuseppe (inc.); Chiesa Andrea (dis.).
1740 Bologna
Le vie di Bologna
Fanti Mario
2000 Bologna Istituto per la Storia di Bologna
Carta topografica della provincia di Bologna
Facchini L. (dis. e inc.)
Bologna - seconda metè sec. XIX
Origine di Bologna (www.originebologna.com)
Carlo Pelagalli
2015 Bologna Sito web
Apri mappa