Bertolazzi Leonida

Bertolazzi Leonida

1852 - 1913

Note sintetiche

Scheda

Ingegnere, la sua attività progettuale oscillò fra nostalgie accademiche e interessi verso linguaggi architettonici più emancipati, di cui però riusci a recepire soltanto gli aspetti superficiali. Come tecnico dell'Amministrazione degli Ospedali bolognesi lavorò (nel 1903) al completamento, con portico, della facciata dell'Ospedale Maggiore in via Riva Reno (distrutto nel corso dell'ultima guerra); alla realizzazione dell'Ospedale S. Orsola e dell'Ospedale Gozzadini, per bambini (di cui fornì il progetto nel 1910 avvalendosi della consulenza medica del prof. Carlo Comba). Nel 1906 costruì il Sanatorio di Budrio: Fu impegnato anche nel restauro della Casa dell'Orfanotrofio di San Leonardo in via Begatto (1903) e nei lavori per il Ricovero di Mendicità in via dei Fusari (1902). Sempre nel 1902 modificò il fronte di alcune botteghe in via Ugo Bassi. Nel 1906-07 realizzò con la “Casa Commerciale Barilli”, in via Rizzoli, la sua opera più aderente ai canoni modernisti. Nel 1908 collaborò col Sezanne alla costruzione della palazzina Majani in via Indipendenza. Altre sue realizzazioni, ma di repertorio eclettico, furono il Palazzo dei Ferrovieri in piazza dei Martiri (già Umberto I) e il completamento della facciata della Chiesa di S. Maria della Vita (1903).

Carlo Cresti

Testo tratto da: Il Liberty a Bologna e nell'Emilia Romagna, catalogo della mostra GRAFIS, Bologna, 1977. Trascrizione a cura di Lorena Barchetti.

Leggi tutto

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)
Documentario | Bologna nel Lungo Ottocento (1794 - 1914)

Documentario - Bologna nel lungo Ottocento (1794 - 1914), 2008. La città felsinea dall'età napoleonica allo scoppio della Grande Guerra.

Bologna post unitaria
Bologna post unitaria

Quadro socio politico della Bologna post unitaria nel periodo 1859-1900. Intervista ad Alberto Preti. A cura del Comitato di Bologna dell'istituto per la storia del Risorgimento italiano. Con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. www.vedio.bo.it