Baroncini Jole

Baroncini Jole

Note sintetiche

Causa della morte: Deportazione
Occupazione: Impiegato

Scheda

Jole Baroncini, da Adelchi e Teresa Benini; nata il 13 agosto 1917 a Imola. Nel 1943 residente a Bologna. Impiegata. Collaboratrice del movimento di liberazione, nel febbraio 1944 fu arrestata e carcerata. Il 6 maggio 1944, insieme a tutta la sua famiglia, viene trasferita con un gruppo di altri detenuti politici al campo di Fossoli, e successivamente deportata per motivi politici in Germania assieme a tutta la famiglia: il padre, la madre e le sorelle Lina e Nella.
Con la mamma e le due sorelle, aspetterà fino al 2 agosto quando, dopo una tappa a Verona, viene caricata in un vagone piombato diretto al lager di Ravensbrück, dove arriva il 6 agosto.
Morì presumibilmente il giorno stesso del trasporto dall'infermeria di Ravensbruck (Germania) e cioè il 4 marzo 1945. Nei campi di concentramento morirono anche il padre e la madre. Riconosciuta partigiana nella 7a brigata GAP Gianni Garibaldi dal 9 settembre 1943 al 4 marzo 1945. [Luigi Arbizzani]

Note

E' sepolta nel Monumento Ossario ai Caduti Partigiani della Certosa di Bologna ed è ricordata nel Sacrario di Piazza Nettuno e nel Monumento alle Cadute partigiane a Villa Spada.
A lei è dedicata una pietra d'inciampo, collocata in Via Rimesse 25.

Leggi tutto

Ha fatto parte di

Opere

Luoghi

 Lager

Lager

Campi di detenzione, lavoro forzato e sterminio
Deportato e deceduto

Persone

Multimedia
La settima GAP a Bologna
La settima GAP a Bologna

Intervista a Lino "William" Michelini, Presidente ANPI Emilia Romagna sulla Settima GAP

Documenti
Bibliografia
Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese (1919- 1945)
Albertazzi A., Arbizzani L., Onofri N.S.
1985 Bologna ISB