Salta al contenuto principale Skip to footer content

Lega italiana diritti dell’uomo (LIDU)

1927 - 1945

Schede

Nel 1927, a Parigi, i partiti antifascisti italiani - meno il PCI - costituirono la Concentrazione antifascista, il primo organismo unitario incaricato di coordinare la lotta contro la dittatura.
Contemporaneamente, numerosi iscritti ai partiti - ad eccezione del PCI - diedero vita alla Lega italiana diritti dell’uomo. La LIDU - simile alla francese Ligue des droits de l’Homme -aveva il compito di assistere gli antifascisti esuli.
Primo presidente fu Alceste De Ambris, con Luigi Campolonghi segretario. Morto De Ambris, Campolonghi divenne presidente, con Alberto Cianca segretario.
Sciolta nel 1934 la Concentrazione antifascista, la LIDU proseguì la sua attività sino agli anni della guerra.
Nel 1935, a titolo personale, aderirono alcuni esponenti comunisti. Era la premessa per l’inizio della nuova politica dei fronti popolari, approvata dal VII Congresso dell’Internazionale comunista.