9° battaglia dell'Isonzo

9° battaglia dell'Isonzo

Scheda

Il 1° novembre iniziava la 9a battaglia dell'Isonzo con i consueti bombardamenti, seguiti dall’attacco di fanteria; verso sera l'11° corpo Italiano aveva operato uno sfondamento del fronte nel suo settore, occupando importanti posizioni sul Veliki Hribach e sul Pecinka; al contrario il 13° corpo era stato fermato dalla violenta reazione avversaria. Durante la notte la reazione austriaca produsse un violento fuoco d'artiglieria sulle nuove posizioni del Veliki e del Pecinka, tenute dalla 45° divisione; alle 4 le fanterie avversarie attaccavano in massa e solo la tenace resistenza della brigata Barletta, durata oltre 12 ore, permetteva l'arrivo delle riserve, salvando in pratica la situazione della 45° divisione. Il 2 novembre venivano conquistate nuove posizioni sull'altipiano carsico nella zona di Castagnevizza, mentre verso Sud l'Hermada resisteva all’assalto italiano . Per lo scarseggiare delle munizioni e considerate soddisfacenti le nuove posizioni conquistate, il Generale Cadorna ordinava la sera del 2 la sospensione delle operazioni. Il 3 e 4 novembre la lotta riprendeva improvvisa, per il ripiegamento degli austriaci su posizioni più arretrate, arretramento subito sfruttato dalle nostre truppe che la sera del 4 occupavano tutte le trincee del monte Fajti. Dal 1° al 4 novembre, la 2a e 3a armata ebbero fuori combattimento circa 39.000 uomini; gli austriaci 33.000.

Paolo Antolini

Leggi tutto

Organizzazioni

Persone

70 biografie:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z 0-9 TUTTI

Luoghi

Eventi

Documenti
Cadorna Luigi
Tipo: PDF Dimensione: 150.98 Kb

Mirtide Gavelli, biografia di Luigi Cadorna. Museo Civico del Risorgimento di Bologna

Bibliografia
1914-1918. Storia della Grande Guerra sul fronte italiano
Pieropan G.
1988 Milano Mursia
Caporetto. La battaglia d’arresto al Tagliamento e la ritirata sino al Piave
Del Bianco G.
1958 Udine Del Bianco ed.
Caporetto
Seth R.
1966 Milano Garzanti
Dal Monte Nero a Caporetto. Le dodici battaglie dell’Isonzo (1915-1917)
Weber F.
1967 Milano Mursia
Isonzo 1917
Silvestri M.
2001 Milano Mondadori