4° battaglia dell'Isonzo

4° battaglia dell'Isonzo

Scheda

Dopo sei giorni di relativa calma dalla fine della terza battaglia dell’Isonzo, i combattimenti riprendevano con rinnovato vigore, dando così inizio alla 4a battaglia. La 2a armata allargò l'occupazione verso Tolmino, le artiglierie iniziarono il bombardamento di Gorizia. Il 20 novembre fu strappata agli austriaci e mantenuta la quota 188 di Oslavia, fu raggiunta sul Podgora la cima del Calvario, e progressi furono fatti anche sul San Michele. La potentissima linea di difesa austriaca, rinforzata durante la sosta tra agosto ed ottobre, nel complesso resse bene, obbligando il nostro esercito a spezzettare l'azione in spinte isolate. Le artiglierie italiane non riuscirono ad aprire la strada alle fanterie nei profondi reticolati davanti alle difese avversarie, per cui l'ultimo sforzo italiano del 1915 dovette arrestarsi. La 3a e la 4a battaglia dell'Isonzo costarono all'Italia 116.000 uomini fuori combattimento, all'Austria oltre 70.000 e 12.500 prigionieri.

Paolo Antolini

Leggi tutto

Organizzazioni

Persone

221 biografie:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z 0-9 TUTTI

Luoghi

Eventi

Documenti
Bibliografia
1914-1918. Storia della Grande Guerra sul fronte italiano
Pieropan G.
1988 Milano Mursia
Caporetto. La battaglia d’arresto al Tagliamento e la ritirata sino al Piave
Del Bianco G.
1958 Udine Del Bianco ed.
Caporetto
Seth R.
1966 Milano Garzanti
Dal Monte Nero a Caporetto. Le dodici battaglie dell’Isonzo (1915-1917)
Weber F.
1967 Milano Mursia
Isonzo 1917
Silvestri M.
2001 Milano Mondadori