Martinelli Vincenzo

Martinelli Vincenzo

20 Giugno 1737 - 20 Aprile 1807

Note sintetiche

Scheda

Il Martinelli fu sicuramente uno dei pittori di paesaggio più noti e attivi a Bologna tra Sette e Ottocento. Il suo intervento fu richiesto anche al di fuori del territorio bolognese, sintomo del prestigio raggiunto dall'artista. La sua produzione di opere su tela fu vastissima e volta a ornare le residenze delle famiglie più illustri della città. Fu anche pittore scenografo, mentre tra le opere ad affresco realizzate a Bologna si segnalano la stanza “alla boschereccia” collocata nell’appartamento del Legato, ora sede delle Collezioni Comunali d'Arte, gli affreschi in collaborazione con Giuseppe Jarmorini collocati nel cortile di palazzo già Bolognetti in via S. Felice e l'Allegoria del commercio eseguita insieme a Filippo Pedrini nel palazzo Pallavicini (1793), le tempere per Palazzo Bentivoglio di via Belle Arti.

Nei musei bolognesi si conserva un vasto repertorio dei suoi quadri di medio, piccolo e grande formato, spesso realizzati con la tecnica della tempera anziché ad olio. Tra questi segnaliamo i le serie di dipinti esposti alla Pinacoteca Nazionale e al Museo Davia Bargellini. Molte opere sono poi presenti in collezioni private, sintomo di un ininterrotto gradimento da parte dei bolognesi. Significativo il suo apporto all'interno dell'Accademia Clementina (poi delle Belle Arti), in cui svolse i più importanti incarichi dal 1767 al 1803 e che gli consentirono di formare un gran numero di allievi, lasciando un segno indelebile alla scuola paesaggistica locale. Amaro il resoconto che il Nostro è costretto a fare nel 1804, quando il terremoto politico giunge fino all''Accademia Clementina, la quale viene chiusa e i suoi beni passati alla nuova Accademia Nazionale di Belle Arti. Molti suoi amici e colleghi ne restano esclusi per motivi politici. Egli appunta che “per quanto si è potuto penetrare nella nomina dei membri della nuova Accademia sono esclusi tredici dei nostri soci, fra i quali moltissimi meritevoli di tutti i riguardi pel loro valore nell'arte, per essersi molto prestati nella cultura della studiosa gioventù e per le loro opere tuttora esistenti. Ma che riguardi si possono sperare? Quale gratitudine ha dimostrato finora la presente provvidenza a chi ha dato addietro veri attestati di amor patrio?”.

Alla sua morte la tomba fu collocata nel Chiostro III dalla municipalità di Bologna, che ne assunse le spese. E’ questa un significativo esempio di tomba dipinta. Commemorare il defunto con un monumento dipinto è un unicum che si trova a questa date solo nella Certosa bolognese. Presso l'Archivio Storico del comune di Bologna è conservato il foglio di seppellimento n. 2822 del 23 aprile 1807, in cui l'architetto Mauro Reggiani dichiara la morte di Vincenzo Martinelli, figlio del fu Giovanni Battista, di anni 70, nativo di Bologna, vedovo di Anna Toschi. Di condizione pittore paesista abitava al n. 2906 della Parrocchia di S. Maria Maddalena. Morto il giorno 22. Viene sepolto nel Chiostro III della Certosa nell'arco 28 dato gratuitamente da questa Municipalità a riguardo dei meriti dell'insigne defunto.

Roberto Martorelli

Leggi tutto

Opere

Eventi

Luoghi

Persone

Multimedia
Vincenzo Martinelli
Vincenzo Martinelli

Il Monumento a Vincenzo Martinelli di Pietro Fancelli e Luigi Busatti. Certosa di Bologna, Chiostro Terzo. Dal canale You Tube "Storia e Memoria di Bologna". 

Documenti
Cimitero Comunale di Bologna
Tipo: PDF Dimensione: 175.58 Kb

Cimitero Comunale di Bologna. Estratto dalla rivista “Il mondo illustrato – Giornale universale”, Torino, nn. 34, 35, 36, 38, 42, 1847. Testi di Savino Savini, trascrizione a cura di Lorena Barchetti.

Bibliografia
Collezione de disegni a semplice contorno delli Monumenti Sepolcrali. Nel Cimitero di Bologna delineati, ed incisi da Raffaele Terry.
Terry Raffele
1817 Bologna Lucchesini
Collezione dei Monumenti Sepolcrali del Cimitero di Bologna
Zecchi Giovanni
1828 Bologna Giovanni Zecchi
Collezione scelta dei monumenti sepolcrali del comune cimitero di Bologna
Salvardi Natale
1839 Bologna Natale Salvardi
Fogli sepolcrali, anni 1800 - 1899
Fogli sepolcrali
1899
Guida di Bologna
Ricci Corrado, Zucchini Guido
2002 Bologna Minerva Edizioni
I decoratori di formazione bolognese tra Settecento e Ottocento. Da Mauro Tesi ad Antonio Basoli
Matteucci Anna Maria
2002 Milano
MONVMENTA INLVSTRIORA COEMETERII BONONIENSIS QVAE PETRONIVS RICCIVS AD FIDEM ARCHETYPORVM LINEARI PICTVRA EXPRESSIT AB ANNO I MDCCCI AD AN MDCCCXIII
Rizzi Petronio
1813 Bologna
Atti dell’Accademia Clementina. 1789 – 1804. Verbali Consiliari e indici generali. Volume IV
Boni Michela, d’Agostino Emanuela, Questioli Stefano (a cura di)
2006 Bologna Minerva Edizioni
Collezioni Comunali d'Arte. L'Appartamento del Legato in Palazzo d'Accursio.
AA. VV.
1989 Bologna Grafis
Fogli sepolcrali
AA. VV.
0
Per una storia di Palazzo Pallavicini, le committenze settecentesche del conte Giuseppe.
Landi Elisabetta
1995 Bologna Pàtron editore