Chiostro X - Sala San Paolo - Logge a Levante e Ponente

Chiostro X - Sala San Paolo - Logge a Levante e Ponente

MULTIMEDIA
open popup
Restauro e recupero architettonico della Certosa

Interventi eseguiti da Bologna Servizi Cimiteriali negli anni 2013-2015 per il recupero architettonico e funzionale dei cimiteri bolognesi della Certosa e di Borgo Panigale.

DOCUMENTI

Il Chiostro X deve l'attuale sistemazione ad un pesante intervento degli anni '30 del Novecento che ha unificato con eleganza spazi e architetture eterogenee dell'originario monastero. Era qui collocato il 'giardino dei semplici', in cui i monaci coltivavano le piante officinali. Intorno al campanile progettato da Tommaso Martelli nel 1606 si trovavano molte delle 'cappelle segrete' della Chiesa di san Girolamo, di cui ne rimangono ora solo tre, ben visibili sul lato sud del chiostro, affiancati alla Chiesa. Sotto i portici sono collocati grandi monumenti, tra cui quello dedicato al commediografo Alfredo Testoni (1856-1931), opera di Alfonso Borghesani; insieme a memorie più piccole ma non meno significative, quale la lapide con ritratto dedicato al marmorino Carlo Albertazzi, dedicatogli dagli scultori bolognesi che memori della preziosa collaborazione ne vollero scolpita qui l’immagine.
La Sala san Paolo è un grande spazio coperto illuminato esclusivamente dal lucernaio posto sul tetto. Realizzato alla fine dell'Ottocento su progetto di Antonio Dall'Olio (1836-1925), si compone da una semplice architettura a pianta ellittica in cui le pareti in scagliola attorniano archi su cui si dispongono i monumenti. Sono qui collocati tra i tanti due capolavori: il gruppo dedicato all'industriale Alessandro Ronzani scolpito da Pasquale Rizzoli nel 1904; e l'altrettanto grande memoria della famiglia Comi, scolpita dal toscano Giorgio Kienerk nel 1898.
Le due logge denominate a 'Ponente' e 'Levante' vengono realizzate nell'Ottocento per collegare il Chiostro III al Chiostro V o Maggiore. In questi due brevi corridoi sono collocati importanti monumenti del XIX secolo, tra cui opere di Cincinnato Baruzzi (Pizzardi, 1841), Bernardo Bernardi (Astolfi, 1847 ca.) e Carlo Chelli (Giuseppe Grabinski, 1861).

Roberto Martorelli

Novembre 2011

Eventi

Opere

Persone